SCANDALO PEGASUS GRAVE, REGOLAMENTARE INDUSTRIA DELLA SORVEGLIANZA

L’elenco di chi subisce attacchi in Europa da spywares come Pegasus continua ad estendersi. Un fenomeno grave ed allarmante che non risparmia leader politici, giornalisti e difensori di diritti umani negli Stati Membri. Tra coloro che sono stati presi di mira ci sarebbero anche esponenti di alto livello della Commissione europea, colleghi europarlamentari e loro collaboratori. Nessuno è al sicuro. Ad essere minacciati sono diritti fondamentali, democrazia, Stato di diritto e sicurezza personale. La Commissione di inchiesta parlamentare, istituita per indagare su queste attività, ha iniziato ad esaminare il grado di coinvolgimento di governi europei e di altri attori. Gli scenari che stanno emergendo ci impongono un’urgente regolamentazione dell’industria della sorveglianza, per l’uso, vendita, esportazione delle sue tecnologie e servizi. Dobbiamo individuare le carenze di trasparenza e responsabilità di aziende e soggetti fruitori. Bisogna proseguire in questa direzione per realizzare misure di contrasto agli abusi, meccanismi di controllo e strumenti che consentano ai cittadini di difendersi dalle violazioni dei loro diritti.

Condividi