Zaki deve tornare a casa

Patrick Zaki dopo 700 giorni di ingiusta prigionia torna finalmente libero, anche se rimarrà sotto processo. L’annuncio è stato accolto con un urlo di gioia nel tribunale di Mansoura, dove oggi si è svolta una nuova udienza del processo.La scarcerazione di Patrick è un passo avanti nella giusta direzione.

Ora l’Unione Europea e il Governo si adoperino per portare Zaki a casa. L’Egitto non può pensare di continuare a violare i diritti umani indisturbato e di incarcerare gli studenti e i ricercatori per reprime il dissenso interno.

Condividi