Salvare vite in mare è un obbligo morale.

Secondo l’OIM, dall’inizio dell’anno, il numero più elevato di vittime si è registrato lungo la rotta del Mediterraneo centrale: circa 555 tra morti e dispersi, triplicati rispetto all’anno precedente.

Da anni il M5s invoca inutilmente una posizione comune sulle attività di ricerca e salvataggio, di sbarco e di ricollocamento fra tutti Stati membri dell’UE, perché salvare vite in mare è soprattutto un obbligo morale.

Condividi